Per un punto Martin perse la capa

Tre ore di partita, due tempi supplementari, un punto che fa tutta la differenza del mondo.

In estrema sintesi tutta la drammatica bellezza di questo sport, il più bello del mondo, tutto concentrato in una gara, dove abbiamo visto le nostre speranze di rompere la striscia negativa di sconfitte infrangersi per ben tre volte sul maledetto ferro che ha risputato le nostre conclusioni allo scadere dei tempi regolari e del primo overtime.

La cronaca ci dice che non sono quelli gli episodi decisivi, almeno non i soli, anche se rimangono impressi nella mente, ovviamente, più di altri avvenuti nel corso di una gara nella quale abbiamo fatto e malauguratamente disfatto più volte.

I due roster si presentano ampiamente rimaneggiati, noi come ormai cronicamente, loro senza Bertoni Lanza e Zanini, forse per questo coach Sauro propone una zona, intorno al centroboa De Mori, fin da primo possesso, e il nostro attacco risponde presente, trovando buone soluzioni e producendo punti variando scelte e opzioni e subendo falli che producono viaggi in lunetta.

E’ in difesa che facciamo male, molto male, concedendo facili contropiede rientrando troppo lenti e subendo, ma questo rientra nella normalità e ci sta, la stazza dei loro lunghi, ed in particolare di de Mori.

Il quarto si chiude 24/21, ci siamo e ci crediamo.

Nel secondo quarto registriamo meglio la difesa, con continui cambi di modulo, e anche se siamo meno fluidi e precisi in attacco manteniamo l’inerzia…..PER NOVE MINUTI.

Citando l’Asso di Coppe della Briscola, la testa l’abbiamo persa in alcuni momenti importanti, se non decisivi, con il senno di poi, segno di una certa desuetudine a gestire con serenità i vantaggi, quella che in genere viene definita “paura di vincere”, e che il nostro coach meno prosaicamente etichetta come “teste disabitate”, quando il cervello disconnette e ci abbandona.

Succede quando alla fine del secondo periodo, fin li giocato con intensità, attenzione difensiva e disciplina offensiva, a 1.01” dal termine del periodo, loro schierano una zona press, noi abbassiamo la serranda e ci si chiude la vena del cervello, e subiamo un parziale di 10/0 letteralmente regalando palloni, e subendo una tripla dalla rimessa a un secondo e mezzo dalla sirena semplicemente inspiegabile, e che manda il coach su tutte le furie.

Al rientro dagli spogliatoi, con i muri che ancora tremano per le urla del coach, troviamo un Cerea più pronto ad attaccare la nostra zona, e difensivamente molto aggressivo con la zona press, ma ribattiamo colpo su colpo e nonostante molti errori ed imprecisioni restiamo in scia, chiudendo sotto di un accettabile 55/61.

Inizia l’ultimo quarto e abbiamo un altro momento da encefalogramma piatto, forse anche perché affiora un po’ di fatica, e finiamo sotto di quattordici quando mancano circa sei minuti alla fine, break che nelle partite precedenti aveva coinciso con il definitivo crollo. Non è così, abbiamo imparato e reagiamo con veemenza, non molliamo un centimetro, non siamo belli, non siamo perfetti, ma ci crediamo ed andiamo a riprenderci la partita nel modo in cui siamo fatti noi, con coraggio, determinazione, passione, come ci piace farlo.

La partita è di nuovo nelle nostre mani, siamo sotto di uno a 2,5” dalla fine, eseguiamo un gioco, portiamo a casa il massimo, un viaggio in lunetta, tecnicamente è vinta, manca l’ultimo tassello, segnare i due liberi, e qui entra in gioco la sorte, quel maledetto ferro che risputa la palla del primo tiro dopo due rimbalzi, potrebbe anche significare sbagliare il secondo e perdere.

Entra. 75/75. Overtime.

Siamo stanchi, stracarichi di falli, con poche alternative e opzioni, ed anche la possibilità di un libero offertoci dalla panchina avversaria a fine regolamentari (a proposito studieremo cosa dice il regolamento su una simile evenienza), lo sbagliamo, altro esempio degli episodi anche interni alla gara stessa, che scopriremo alla fine pesare quanto tutti gli altri, e di cui faremo tesoro in futuro.

Supplementare che si gioca punto a punto, con errori offensivi e difensivi da ambedue le parti, e di nuovo la sorte ci offre e toglie, per due volte, l’opportunità di vincerla, sputando, il maledetto ferro, due tiri tutto sommato buoni e ben presi.

84/84. Secondo overtime.

Stavolta non riusciamo ad essere efficaci difensivamente, vuoi per le uscite, vuoi per la stanchezza. Cerea scappa con un paio di canestro e fallo, e una tripla, a cui noi rispondiamo solo ricucendo un po’, senza mollare.

93/97. Finita.

Come a Briscola, puoi avere l’Asso di Coppe, ma a volte la sorte conta di più, e mette sul tavolo spade a briscola, ricordiamolo soprattutto oggi, perché la fortuna gira e prima o poi restituisce, a patto di continuare a giocare, ad imparare, e a crederci, perché la differenza vera è che il basket non è un gioco d’azzardo!

Tre ore di gara vibrante, forse tre ore di lettura del commento (non altrettanto vibrante), ma chi c’era si è di certo emozionato e divertito, da parte nostra abbiamo fatto il massimo e ringraziamo che ci ha sostenuto e ha condiviso con noi questa sfortunata sfida, chi legge non potrà mancare alla prossima.

NOI CI SIAMO E CI CREDIAMO!!!

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Video

Dettagli

Data Ora League Stagione
15/11/2019 21:15 Promozione 2019-2020

Court

Palamela Belfiore
Via degli Alpini, Belfiore, Verona, Veneto, 37042, Italia

Risultati

Team134OTTEsito
Belfiore Basket2455758493Loss
Pallacanestro Cerea2161758497Win

Belfiore Basket

# Giocatore Posizione P.TI FC FS RD RA PR PP AS ST FGM FGA 3PM 3PA FTM FTA
11Enrico ManfronAla piccola000000000000000
18Tommaso MurariPlay-Guardia000000000000000
4Tommaso CampolongoPlay-Guardia1331111121003001320
5Umberto GrigattiGuardia351103600041300
6Riccardo BastoniGuardia813213110440201
7Matteo CampolongoGuardia16230033406110346
21Tommaso CavazzaPlay-Guardia221032200120102
10Cristian FranchettoGuardia10524151514100124
13Mattia PoloPlaymaker656203420170149
14Nicolo’ FranceschettiGuardia000000000000000
15Fabio BolcatoAla forte1335024400341147
21Michael BuratoCentro245555341081402810
 Totale 9531371513272714127592143559

Pallacanestro Cerea

Posizione P.TI FC FS RD RA PR PP AS ST FGM FGA 3PM 3PA FTM FTA
 000000000000000

Officials

Arbitraggio
Ajmi Amor
Paolo Rizzoli
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Start a Conversation